Attualità Redazione 18 Giugno 2024 (0) (72)

Tiziana Pepe, dopo il bottino di 4300 voti alle europee, stringe il focus sul sociale con un occhio agli anziani

Tiziana Pepe, forte delle sue 4300 incassate alle recenti elezioni europee, tira un bilancio foriero di tanti progetti che passano attraverso la trattazione di questioni di grande rilevanza sociale. La politica, conosciuta per il suo impegno nel migliorare la qualità della vita dei cittadini, ha ora deciso di concentrare i suoi sforzi su un gruppo spesso trascurato: gli anziani. Durante uno dei passati incontri svoltosi nel periodo della sua campagna elettorale, Tiziana Pepe ha affrontato la tematica degli anziani e dei loro bisogni, sottolineando l’importanza di politiche inclusive e di supporto per questa fascia della popolazione, tematica che ha voluto affrontare all’indomani del compleanno per i 100 anni del papà del suo compagno Salvatore Ladaga – nella foto di copertina Tiziana Pepe è stata immortalata insieme a Nicola Ladaga in un momento dei festeggiamenti a lui dedicati. “Gli anziani rappresentano una risorsa preziosa per la nostra società,” ha dichiarato Pepe. “Non solo portano con sé un bagaglio di esperienze e saggezza, ma anche una forte necessità di cura e attenzione che non può essere ignorata.”

Diverse le aree critiche che necessitano di interventi urgenti. Tra queste, l’assistenza sanitaria dedicata e accessibile è al primo posto. “È inaccettabile che molti anziani debbano affrontare lunghe liste d’attesa per visite mediche e cure essenziali,” ha affermato. “Dobbiamo migliorare l’accesso ai servizi sanitari, garantendo tempi di risposta rapidi e cure di qualità.” Un altro punto chiave riguarda la necessità di strutture adeguate e personale qualificato per l’assistenza agli anziani. “Le case di riposo e le strutture di assistenza devono essere ambienti sicuri e confortevoli,” ha detto. “Dobbiamo investire nella formazione del personale e assicurare che le strutture rispettino standard elevati.”

Di fortissimo impatto emotivo il tema della solitudine, un problema crescente tra gli anziani, soprattutto in contesti urbani. “La solitudine può avere effetti devastanti sulla salute mentale e fisica degli anziani,” ha spiegato. “È fondamentale creare reti di supporto sociale, promuovere iniziative di inclusione e facilitare la partecipazione degli anziani alla vita comunitaria. Non voglio tralasciare l’aspetto relativo all’accesso alla tecnologia. In un’epoca di digitalizzazione, gli anziani non possono rimanere indietro, dobbiamo offrire corsi di formazione per l’uso delle nuove tecnologie, facilitando l’accesso a servizi online e migliorando la loro qualità di vita. È cruciale inoltre – ha proseguito – che le pensioni permettano agli anziani di vivere con dignità, le politiche devono essere orientate a garantire un sostentamento adeguato, evitando che gli anziani si trovino in condizioni di povertà.”

“Il benessere degli anziani deve essere una priorità,” ha concluso Tiziana Pepe “Solo così potremo costruire una comunità forte e solidale, capace di prendersi cura di tutti i suoi membri.” Con queste parole, rinnova il suo impegno a lavorare senza sosta per il miglioramento delle condizioni di vita degli anziani, assicurando che le 4300 preferenze ricevute sono solo l’inizio di un percorso di cambiamento e progresso sociale.