Musica e Cultura Redazione 7 Giugno 2023 (0) (226)

ROMA – 7 giugno, la prima Notte Bianca delle scuole aperte

“Il 7 giugno sarà festa nelle scuole della città: l’abbiamo chiamata la Notte Bianca delle scuole aperte ed è il modo per celebrare il percorso fatto in questo primo anno da 114 scuole aperte il pomeriggio, la sera e nei weekend. A partire dalle 18, quindi, in questa serata speciale, tante scuole tra quelle vincitrici del primo avviso pubblico Roma Scuola Aperta, resteranno attive contemporaneamnte, con laboratori, mostre, incontri, presentazione di libri, per una festa da vivere insieme ai territori e ai cittadini e alle cittadine”. –  ha dichiarato in una nota Claudia Pratelli, assessora alla scuola, formazione, lavoro di Roma Capitale.

“Le diverse feste in città, che attraverserò con piacere ed entusiasmo, saranno anche l’occasione per dire grazie agli insegnanti, alle associazioni, ai ragazzi e alle ragazze per aver animato concretamente durante tutto l’anno, l’ambizione che avevamo: fare sempre di più della scuola un punto di riferimento per la comunità del territorio, dove la relazione tra il dentro e il fuori è ricchezza condivisa e dove le opportunità diventano a portata di tutti e di tutte.”. “Un grazie sentito va anche all’Assessore Gotor – prosegue Pratelli – che si è messo a disposizione per arricchire gli appuntamenti della Notte Bianca delle Scuole coinvolgendo personalità della cultura e dello spettacolo e per rendere sempre più stretta la contaminazione tra le scuole e la vita culturale della città: da Giulio Scarpati, Carola Susani, Daniele Aristarco, a Christian Raimo, Davide Orecchio, fino a Lidia Ravera. Roma Scuola Aperta è tutto questo e la prima Notte Bianca è il modo migliore non solo per condividere, ma per rilanciare: il nuovo avviso per il prossimo anno infatti è appena uscito, con importanti novità, prima tra tutte quella di una graduatoria biennale per consentire maggiore programmazione e stabilità ai progetti. Passo dopo passo, vogliamo fare di Roma la città delle scuole aperte, come centinaia di luci sempre accese nei quartieri“.

Qui l’elenco delle scuole che aderiscono all’iniziativa