Politica Redazione 16 Maggio 2024 (0) (69)

L’INTERVISTA – Tiziana Pepe, candidata al Parlamento Europeo nella Circoscrizione Italia Centrale nella lista di Forza Italia: un percorso di eccellenza tra studio e carriera

Articolo pubbliredazionale elettorale

Buongiorno dott.ssa Pepe, è un piacere averla con noi. Partiamo subito dalla sua candidatura al Parlamento Europeo per Forza Italia. Può raccontarci il suo percorso e le motivazioni che l’hanno portata a candidarsi?

Buongiorno, grazie per l’opportunità. La mia decisione di candidarmi nasce dal desiderio di mettere a disposizione la mia esperienza e le mie competenze per contribuire al miglioramento delle politiche sociali ed ecologiche a livello europeo. Sono determinata a lavorare instancabilmente per promuovere politiche innovative e inclusive che rispondano alle esigenze attuali e future della nostra società. Il mio percorso professionale e formativo mi ha permesso di acquisire una visione ampia e articolata delle problematiche e delle sfide che dobbiamo affrontare. Credo fermamente nella necessità di un’Europa più unita e attenta alle esigenze dei suoi cittadini, e spero di poter portare il mio contributo in questo senso.

Il suo curriculum è impressionante e molto articolato. Ci può raccontare in dettaglio le principali tappe della sua carriera professionale?

Certamente. Attualmente ricopro il ruolo di Commissario Straordinario dell’Ente Parco Naturale Bracciano Martignano. Questo incarico, che ricopro da dicembre 2023, mi ha dato l’opportunità di lavorare a stretto contatto con le comunità locali e di sviluppare progetti di sostenibilità ambientale.

Sono incaricata PPE per la promozione e sviluppo dell’area tematica ‘sociale ed ecologica’. Dal 2021 sono dipendente del Comune di Valmontone, come specialista in attività amministrativa nell’area funzionari ad elevata qualificazione. Qui mi occupo del servizio legale e contenzioso, del coordinamento con l’attività del broker assicurativo per la gestione dei sinistri, e sono membro di commissioni per concorsi pubblici.

Prima di questo ruolo, ho lavorato presso l’Azienda Speciale Servizi Integrati Comunali (ASSIC) dal 2020 al 2021, dove supportavo il Comune di Valmontone in segreteria generale e nel servizio legale e contenzioso. Sono stata anche responsabile della prevenzione e corruzione.

Dal 2015 al 2020 ho lavorato per l’Azienda Speciale Servizi Comuni (ASSC), dove ho ricoperto ruoli simili a quelli attuali, con un focus particolare sull’istruzione pubblica. Sono stata responsabile della prevenzione e corruzione anche in questa posizione.

Tra il 2004 e il 2015 sono stata dipendente dell’Agenzia di Sviluppo Amministrazioni Pubbliche (ASAP) della Regione Lazio, oggi Lazio Crea. In questo periodo, ho coordinato la Segreteria di Presidenza, membro di commissione concorsi pubblici e privati e ho partecipato alla progettazione e gestione di corsi di formazione per dipendenti della Regione Lazio e per il Ministero degli Affari Esteri in Algeria.

Nel 2006, in Comando presso il Consiglio regionale del Lazio, ho lavorato nella Commissione Infortuni sul lavoro e 2011, in Comando presso la Regione Lazio, nella Segreteria Risorse umane

Dal 1991 al 2015, ho lavorato come perito fonico trascrittore per tribunali, DDA, procure e case circondariali, trascrivendo intercettazioni telefoniche e ambientali, interrogatori e procedimenti penali, e audizioni protette di minori. Sono iscritta all’Albo dei consulenti e periti in ambito penale e civile del Tribunale di Velletri.

Davvero un percorso ricco e variegato. E dal punto di vista formativo, quali sono le tappe principali della sua istruzione?

Il mio percorso di studi è altrettanto articolato. Attualmente sono iscritta all’Albo Speciale degli Avvocati Stabiliti da febbraio 2024. Dal gennaio 2021 ho intrapreso la pratica forense, frequentando la Scuola Forense Veliterna “A. Fabi” e partecipando alle udienze in ambito civile e penale. Ho anche frequentato la Scuola di alta formazione “Greco-Pittella” per la preparazione all’esame di stato per la professione di avvocato.

Ho conseguito una Laurea Magistrale in Giurisprudenza con votazione di 110/110 e lode. Nel marzo 2018, ho ottenuto un Master di I livello in Scienze Giuridiche con specializzazione in Criminologia .

Precedentemente, nel marzo 2012, ho conseguito una Laurea Specialistica in Programmazione e Gestione dei Servizi Educativi e Formativi, anch’essa con votazione di 110/110 e lode. La mia formazione universitaria è iniziata con una Laurea Triennale in Educazione degli Adulti con votazione di 107/110.

Nel 2005, ho completato un corso biennale con attestato in Mediazione Familiare presso l’AIMS (Associazione Italiana Mediatori Sistemici) e, nel 2001, ho conseguito il Diploma di Ragioneria. Infine, il mio percorso scolastico si è avviato con un Diploma Magistrale.

Notevole. La sua formazione continua sembra essere un pilastro del suo percorso. Quali corsi di formazione ha seguito negli ultimi anni?

La formazione continua è fondamentale per mantenere aggiornate le proprie competenze e rispondere adeguatamente alle sfide professionali. Negli ultimi anni, ho seguito numerosi corsi di formazione e webinar. Solo per citare i più recenti:

Novembre 2023: Corso Webinar sugli obblighi di pubblicazione e protezione dei dati personali.

Settembre 2023: Corso Webinar su “Il Responsabile del trattamento” in conformità al GDPR.

Ottobre 2023: Corso sulle modifiche in materia di contenzioso degli Enti Locali.

Giugno 2022: Corso sulla gestione del contenzioso negli Enti locali.

Maggio 2022: Corso su GDPR e normativa sulla privacy in Italia.

Dicembre 2021: Corso sul ruolo del Responsabile del trattamento.

Giugno 2021: Corso sulla motivazione all’affidamento in house.

Luglio 2020: Corso sugli obblighi di pubblicazione tra trasparenza e privacy.

Maggio 2020: Corso sull’evoluzione giurisprudenziale del concetto di controllo pubblico.

Dicembre 2019: Corso in materia di anticorruzione.

Giugno 2019: Corso sulla trasparenza e prevenzione della corruzione.

Questi corsi mi hanno permesso di rimanere al passo con le normative e le best practices del mio settore, migliorando costantemente le mie capacità professionali. L’elenco è lungo ma mi fermo; non vorrei annoiare i lettori.

È evidente che ha una passione per l’apprendimento continuo e per il servizio pubblico. Cosa spera di realizzare al Parlamento Europeo?

Al Parlamento Europeo, vorrei concentrarmi su politiche che promuovano la sostenibilità ambientale, l’innovazione sociale e la tutela dei diritti dei cittadini, partendo dalle fasce deboli. Penso che l’Europa debba essere un faro di progresso e inclusività, lavorando per un futuro più equo e sostenibile. La mia esperienza nel settore pubblico e la mia formazione mi hanno preparata a contribuire efficacemente a queste cause, e sarei entusiasta di poter rappresentare gli interessi dei cittadini in questa importante istituzione.

La ringraziamo per il suo tempo e le auguriamo il meglio per la sua campagna elettorale.

Grazie a voi per questa opportunità. Spero di poter fare la differenza e di meritare la fiducia dei cittadini. Buona giornata a tutti.